Archivi categoria: Staff di Apocalittici

Staff di apocalittici

APOCALITTICI.IT siamo tornati, e stavolta sul serio!

Per qualche tempo chi digitava www.apocalittici.it si ritrovava in una vetrina di scarpe. Sì, venditori di scarpe di un noto marchio mondiale si erano impossessati di uno spazio che per mesi era stato dedicato alla divulgazione spesso ironica, sovente scientifica, a tratti fantasiosa, qualche volta addirittura giornalistica, ma soprattutto libera e incondizionata di “notizie”.

Erano i mesi che precedevano la data di tutte le date apocalittiche , quel 21 dicembre 2012 cui in tanti, da blasonati programmi  e personaggi delle televisioni generaliste ai bufalari del web passando per una variegata flora e fauna del cosiddetto mondo della cultura, hanno attinto a piene mani per quel punto di odiens, quel “click” o quella “copia” in più.

Quell’onda della “Profezia Maya” che anche noi abbiamo cavalcato con l’intento di deriderne la potenza prima ancora che si frantumasse sugli scogli della realtà.

Apocalittici.it era la tavola da surf con cui autori come Valerio Foresi, Settimo Sigillo, Escansibus, Andronico e tanti altri che potevano iscriversi e scrivere liberamente, hanno domato le tempestose onde di cazzate che in quei giorni agitavano molte coscienze.

Spesso, con i più assidui ed entusiasti, ci si trovava in chat la sera (ai tempi furoreggiava ancora messenger) a ragionare stupiti su come tante persone davano credito a un certo tipo di divulgazione restando indifferenti, ad esempio,  alla situazione che andava delineandosi in Medio Oriente: era l’alba della crisi siriana.

Presi da una sorta di euforia quasi isterica, visti i risultati del blog, immaginammo e pubblicammo anche “Apocalypse News” che definimmo chiaramente “Real Fantasy”, convinti che l’evidente ossimoro non avrebbe lasciato spazi a dubbi salvo poi restare stupiti da come quei fatti immaginari vennero seriamente presi per cronaca reale o contestati ferocemente come bufale.

La fine del mondo arrivò davvero, ma a finire fu solo il nostro blog. Ad un tratto le energie divennero insufficienti a contrastare il drammatico calo di visite che iniziò il 22 dicembre 2012. Il nostro lavoro non fu premiato, ma non da chi ci seguiva, bensì da noi stessi. Quando giunse il momento di dare il meglio, venimmo meno.

Lo Staff di Apocalittici, due amici che scrissero la bozza del blog davanti a una carbonara e un bicchiere di montepulciano d’Abruzzo nel febbraio 2012, non riuscì a mantenere vivo il fuoco che animava gli autori che quella bozza avevano fatto diventare una bella e interessante realtà. Per onestà va detto: anche per mancanza di mezzi e risorse, prima fra tutte il tempo.

Qualche tentativo di ripresa in questi anni, ma niente di “strutturato”, gocce d’acqua nel deserto e nulla più.

Poi il giorno in cui l’Apocalisse arrivò davvero: Apocalittici.it, il nostro dominio, acquistato da uno strano venditore di scarpe. La profezia maya per noi si è realizzata quando al digitare www.apocalittici.it invece del nostro blog si è aperta una pagina che vendeva scarpe da ginnastica!

Adesso, già da qualche giorno non è più così. Ci siamo ripresi ciò  che è nostro.

Giugno 2018. Apocalittici.it rinasce dalle ceneri di quelle maledette calzature e torna a volare con le ali delle “news per sopravvivere alla realtà“.

Affezionati e Affezionate,  tornate a seguirci. Abbiamo soprattutto bisogno di voi.

Sicuri sia tutto a posto?

Questo articolo nasce dal pensiero ricorrente che qualcosa nel mondo sta cambiando…in negativo naturalmente. Vi siete chiesti il perché di questa economia che fallisce a livello mondiale?

Soprattutto avete notato che eventi catastrofici dovuti alla natura sono sempre più frequenti?

La Grecia, le meteoriti che bucano la nostra atmosfera, l’ISIS, gente che ammazza senza ragioni plausibili (se mai ce ne possa essere una) ed il sempre più dilagante razzismo nato da correnti socio-politiche di gente stufa ed esploso senza che nulla sia effettivamente cambiato. Il nostro staff non vuole prendere una posizione di allarme, non progetterà come in passato metodi di sopravvivenza all’apocalisse…perché l’apocalisse è già arrivata

21 dicembre 2012, tranquillizzare non speculare sulla paura

buongiorno a tutti..sapete cosa vi dico?
che vi ringrazio per quello che scrivete in quanto tranquillizzate le persone su questa fobia crescente del 21/12…io ho 2 ragazzi di 8 e 14 anni che sono terrorizzati da questi messaggi negativi, non riescono neppure a godersi l’arrivo del Natale tanto sentono intorno a loro negatività!!! la tv si sta sbizzarendo e non parliamo del web! l’ultima su facebook e la notizia dei 3 giorni di buio che avvolgeranno il mondo…ma si insomma ora basta! perchè non fanno una bella trasmissione che dica: ragazzi tutti tranquilli, non succede nulla. Grazie e buon natale a tutti

L’e-mail che la sig.ra Maria Pia ha indirizzato ad Apocalittici.it  è il monito più autorevole ed elegante che si possa fare a chi, ormai da anni, sta letteralmente “speculando” e “lucrando” irresponsabilmente sulla paura. 21 dicembre 2012 non è la data dell’Apocalisse, ma un marchio a disposizione di chiunque, facendo leva su una sensazionalità spiccia da bancarella, voglia battere un minimo di cassa, dal produttore di colossal cinematografici al semplice autore dell’ultimo blog dedicato all’Apocalisse dei Maya ed affini.

Una bella trasmissione per dire “ragazzi tutti tranquilli, non succede nulla” è andata in onda su Rai Uno il 24 giugno 2010. Si tratta di Superquark, la nota trasmissione condotta dal grande Piero Angela:

httpv://www.youtube.com/watch?v=oOJijmDgcOc

 

bisognerebbe riproporla.

Un saluto particolare va ai  figli della sig.ra Maria Pia cui, il nostro Escansibus, indirizza il seguente pensiero:

 

Ciao ragazzi,

se non mi conoscente io sono Escansibus. Sono una specie di Henry Potter, solo un po’ più vecchio e bruttarello. Vi voglio dire una cosa importante: l’unico pericolo che correte il 21 dicembre 2012 è… la carie!

E sì, proprio così, avete capito benissimo. Più si avvicina il Natale e più le scorpacciate di dolci aumentano. Torrone (io sono ghiotto di quello bianco ricoperto al cioccolato) panettone, pandoro, e tutte quelle leccornie che ci preparano le nostre mamme, ci fanno venire l’acquolina in bocca solo a pensarci e più se ne granocchiano più viene voglia di sgranocchiarne. Ma poi, diciamo la verità, chi è che ha voglia di lavarsi i denti? Io certamente no, infatti a differenza di Henry Potter sono anche un po’ sdentato. Voi invece?

Sicuramente siete più bravi e intelligenti di me e, oltre a non credere alla Fine del Mondo, al 21dicembre 2012, e a tutte le altre CAVOLATE, vi lavate i denti tre volte al giorno con spazzolino, dentifricio, filo interdentale e colluttorio.

Lasciate che la vostra fantasia renda unico e magico il Natale che sta arrivando e che la vostra intelligenza non permetta mai agli sciocchi di farvi smettere di sorridere.

Auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo,

Escansibus e tutto lo Staff di Apocalittici.

 

 

 

Immaginando Fantozzi prepper.

Fortemente preoccupato per l’Apocalisse del 21 dicembre 2012, Fantozzi decise di diventare un prepper.

Abbigliamento di Fantozzi per l’Apocalisse:

– scarponi finto goretex con punta rinforzata da colata di cemento;
– cintura accessoriata rubata a cinecittà durante una comparsata a “Ursus contro Maciste”;
– salvagente a ciambella arrecante la scritta, vagamente evocativa, TITANIC;
– coltellino svizzero multiuso completo di cornetto rosso e ferro di cavallo;
– botticella da san bernardo contenete cordiale d’annata (1938)
– …e, per finire, pantalone ascellare multitasche a cromatura camaleontica che indossato dal ragioniere assumeva tragicamente il colore…MARRONE.

Non abbiamo mai ringraziato Squalo Speed, alias Sciamano Apocalitticus, per la disinteressata generosità con cui (su facebook) ci sta dando una mano e, con chicche questa storiella, spesso anche un sorriso.

Mille volte grazie dallo Staff di Apocalittici.

www.facebook.com/apocalittici

 

Vince Obama.

E’ stata la notte di Barack Obama che stravince facendo suo il secondo mandato di quattro anni. Il Wall Street Journal titola secco “Obama sconfigge Romney”. Determinanti  Florida e Ohio.

Gli stretti margini della differenza di voti in Ohio sono stati analizzati dagli strateghi repubblicani per capire se esistessero gli estremi per una richiesta di nuovo conteggio o per ricorsi in tribunale.La questione è stata, però, chiusa dalla telefonata di rito di Romney che ha dichiarato: “Prego per il suo successo alla guida del Paese“. Un indice di spiccata maturità democratica e un esempio di correttezza istituzionale nei cui confronti certa politica dovrebbe togliersi il cappello.

Lo Staff di Apocalittici aggiunge la sua voce, ancora insignificante, al coro delle congratulazioni al presidente Obama augurandogli un semplice e significativo

Buon Lavoro

 

Election Day USA 2012

Apocalittici.it segue con grande attenzione le elezioni più importanti del mondo. Barack Obama sarà ancora inquilino alla Casa Bianca o  dovrà cedere il posto al repubblicano Mitt Romney?

Il presidente in carica Barack Obama in Iowa, nell’ultimo appuntamento elettorale della campagna, ha risposto “dobbiamo finire il lavoro” a Mitt Romney che da Manchester, in New Hampshire, ha chiuso la sua campagna elettorale mandandogli a dire “da domani è un nuovo inizio“.

seguono gli orari di chiusura dei seggi dei vari Stati e i possibili effetti dei risultati sul risultato finale…


  • ore 19.00, chiudono i seggi in Virginia. Lo stato, che conta 13 Grandi Elettori, potrebbe fare da prima cartina al tornasole stabilendo se ci troveremo di fronte ad un risultato chiaro o se tra i due candidati sarà battaglia all’ultimo voto.
  • ore 19,30 chiudono i seggi dell’Ohio. Questo stato conta 18 Grandi Elettori ed è  cruciale per entrambi i candidati . Vincere qui equivale a mettere una seria ipoteca sulla poltrona in Casa Bianca. In pratica se Obama vincesse in Ohio potrebbe permettersi sonore sconfitte in Colorado, in Virginia e in Florida, senza compromettere la vittoria.
  • ore 20.00 chiudono i seggi in Florida, che conta 29 Grandi Elettori, New Hampshire e Pennsylvania.
  • ore 21 si chiudono i seggi in Colorado e Wisconsin, che valgono complessivamente 19 Grandi Elettori. Secondo gli esperti del New York Times se un candidato si aggiudicasse entrambi gli Stati spalancherebbe la sua porta della Casa Bianca.
  • alle ore 21.00 chiudono i seggi In Iowa.

 

Approfondimenti:

Come funzionano le elezioni negli Stati Uniti d’America: il sistema elettorale

I Grandi Elettori

 

Articoli correlati:

 

 

DIRETTA SULL’ELECTION DAY

Repubblica

SkyTg24

New York Times

Femminicidio

L’ultimo episodio di cronaca nera che ha visto ancora una volta una donna uccisa da un uomo, o sarebbe meglio dire una femmina uccisa da un maschio, è quello che ha visto soccombere una giovane diciassettenne palermitana sotto le coltellate destinate alla sorella. Carmela ha difeso con il suo corpo sua sorella, rimasta gravemente ferita che era entrata nelle mire omicide del suo ex fidanzato

E’ una triste storia che tutti conosciamo. E’ la storia del coraggioso atto di amore  di Carmela.  E’ la storia dell’ insulza codardia di un esemplare maschio di animale umano meschino e non evoluto. E’ la storia di un femminicidio. Un’altro. L’ennesimo.

La violenza, sempre più “domestica“, che sfocia in femminicidio e in infanticidio è da considerarsi principalmente un atto di viltà in quanto  originata anche, se non soprattutto, dalla semplice differenza di forza fisica che la rende “facile” (in genere è l’uomo che “picchia” la donna, e sono gli adulti che “picchiano” i bambini).

 

Lo Staff di Apocalittici esprime sdegno e proclama la sua ferma e condanna per questo tipo di violenza.

FEMMINICIDIO: LO SPECIALE DI REPUBBLICA.IT

 

 

 

 

21 dicembre 2012, Maya, Apocalisse e Fine del Mondo: tutte le profezie di Escansibus

Gli apocalittici eventi previsti per il 21 dicembre 2012 sono alle porte, il conto alla rovescia verso la data più apocalittica di tutti i tempi è agli sgoccioli. Più la sabbia nella parte superiore della clessidra diminuisce, più aumentano le ansie e le paure. Cosa accadrà veramente il 21 dicembre 2012? Sarà davvero la Fine del Mondo? Si abbatterà sul genere umano l’apocalisse con terribili catastrofi, o non succederà assolutamente nulla? Queste sono solo alcune delle domande che affiorano sempre più spesso anche nei pensieri dei più scettici. Noi abbiamo l’onore di avere ad Apocalittici.it chi ha saputo, sa e saprà rispondere a tutte le vostre domande sul 21 dicembre 2012: Escansibus, il più grande numerologo del mondo, profeta ecosostenibile e santone a impatto zero.  Troverete tutte le risposte che cercate e tutte le certezze che bramate in questa antologia che racchiude tutte le sue più importanti profezie…

 

 

APOCALYPSE NEWS

clicca sull’immagine per seguire gli apocalittici eventi della Science-Fiction

 

Obama Vs Romney – secondo round.

Non c’è bisogno di entrare nel merito dei contenuti di quello che sarà il secondo round della sfida tra Barack Obama e Mitt Romney per la Casa Bianca. Quello che interessa è prendere coscienza che l’esito delle elezioni del 6 novembre 2012 stenderà ampia ala sulle sorti del mondo. Gli indirizzi politici del Presidente degli Stati Uniti d’America,  in termini di politica interna ed estera, determinano gli scenari economici e politici internazionali. Allo stato dei fatti gli USA interpretano ancora, dopo la caduta dell’URSS di venti anni fa, il ruolo di unica superpotenza globale (continua la lettura per accedere alla diretta streaming del dibattito).

Nonostante l’impetuosa crescita dell’ultimo decennio e il riconoscimento mondiale del suo ruolo di attore importantissimo nelle dinamiche mondiali, la Cina è ancora ben distante dal poter competere con gli Stati Uniti. L’Unione Europea, che pure nell’insieme avrebbe i mezzi per riuscire a proporsi quale polo di potere concorrente sulla scacchiera internazionale, vede questa possibilità azzerata dalla mancanza concreta di istituzioni in grado di dare un reale indirizzo politico unico alla comunità.

Senza nascondere le evidenti contraddizioni del modello occidentale in termini di distribuzione e allocazione delle risorse mondiali, spesso a scapito delle aree meno sviluppate del pianeta, è nel miglioramento di questo modello, nella limatura dei suoi difetti, che vanno cercati i mezzi per far fronte alle future sfide globali. Sovrappopolazione, impoverimento delle risorse, impatto ambientale delle attività umane, sono solo le più importanti. A dimostrazione di ciò vale molto l’esempio europeo. L’assegnazione del criticato premio Nobel per la Pace all’Unione Europea  ha avuto il pregio di sottolineare quella che potrebbe sembrare un’ovvietà, ossia che il perdurare della pace tra le nazioni europee, in particolare tra Francia e Germania, ha evitato al mondo il rischio di un’altra guerra di dimensioni globali.

Di questo modello, fortemente capace di autocritica e di rinnovamento, gli Stati Uniti d’America sono gli attori principali. Per questo motivo Apocalittici.it ancora una volta punter i suoi riflettori su coloro che ambiscono a guidarli per i prossimi quattro anni.

CLICCA SULL’IMMAGINE PER SEGUIRE IL CONFRONTO IN DIRETTA STREAMING

 

 

Articoli correlati

 

Gli apocalittici arrivano in televisione

Gli Apocalittici, quelli veri, costruiscono rifugi anti-atomici (alcuni particolarmente eccentrici), si esercitano alla guerriglia e alla sopravvivenza in situazioni limite, preparandosi a sopravvivere alla Fine del Mondo. Noi abbiamo imparato a chiamarli preppers, coloro che si “preparano” all’Apocalisse che sentono sempre più vicina. 

Gli Apocalittici è il  titolo dellaserie tv realizzata da National Geographic che andrà in onda alle ore 20:55 di ogni lunedì dal 24 settembre 2012  su National Geographic Channel (403 sky). La puntata speciale dedicata agli Apocalittici italiani è prevista a fine novembre.

I ciclisti pedalano per un mondo migliore

Mountan bike, citybike, unisex o biciclette da da corsa, in Italia è bicimania. Complice la crisi e il prezzo alle stelle dei carburanti le vendite di biciclette nel Belpaese sono decollate (2 milioni le biciclette vendute nel 2012). Non basta, centinaia di migliaia sono le biciclette “rispolverate”, strappate dalle ragnatele delle cantine e restituite a gambe ansiose di pedalare.   La buone notizie sono arrivate  dall’Esposizione Internazionale del Ciclo in corso a Verona.

I ciclisti pedalano per un mondo migliore, miglioriamo il mondo per farli pedalare

Dissesto idrogeologico, il nubifragio delle Eolie apre la stagione dei disastri.

Il nubifragio che ha colpito le Eolie, alla cui popolazione esprimiamo tutta la nostra vicinanza e solidarietà, apre di fatto la stagione dei disastri che le piogge autunnali e invernali provocheranno sul territorio italiano,  tutto soggetto ai rischi derivanti dal dissesto idrogeologico.

(ISPRA, mappa nazionale rischio idrogeologico).

effetti apocalittici dissesto idrogeologicoC’è poco da incolpare fenomeni quali il riscaldamento globale e i relativi sconvolgimenti climatici quando un acquazzone può provocare danni e disagi per nulla proporzionati all’entità del fenomeno. Se una pioggia torrenziale si abbatte sulle Eolie e le mette in ginocchio sicuramente molto è dovuto all’eccezionalità dell’evento, ma interrogativi sull’attuale situazione idrogeologica del territorio sono necessari.

Il dissesto idrogeologico è una piaga diffusa su tutto il territorio nazionale dove la carenza d’informazioni sulla più appropriata utilizzazione dei suoli, l’abbandono delle vecchie sistemazioni idraulico-agrarie e idraulico-forestali, l’eccessiva antropizzazione del territorio, l’uso di tecniche agronomiche inadeguate, l’aggravante fenomeno degl’incendi boschivi, hanno portato ad una notevole intensificazione dei processi erosivi. Spesso, troppo spesso, le istituzioni delegate alla cura e alla protezione del territorio diventano impotenti spettatrici delle apocalittiche conseguenze di queste negligenze. E’ arrivato il momento di voltare pagina…

 

PREVENIRE NON PREVEDERE

11 settembre 2001 – 11 settembre 2012

Sono passati undici anni dall’11 settembre 2001. Quel giorno segna un netto spartiacque nella storia contemporanea. C’è un mondo prima e un mondo dopo l’Undici Settembre Duemilaundici. Noi di Apocalittici vi invitiamo, però, a ricordare, rammentare e rimembrare solo, e solo quel giorno. Le Twin Towers che crollavano avevano le sembianze del coperchio del Vaso di Pandora che andava in frantumi e nessuno sapeva cosa ne sarebbe venuto fuori. L’Apocalisse sembrò davvero vicina.

Ad Apocalittici.it piace il casco invisibile per i ciclisti

Da quando abbiamo iniziato il nostro percorso ogni giorno siamo costretti ad aggiungere tasselli al mosaico di una certezza che va prendendo sempre più forma: l’Apocalisse è un fatto umano, troppo umano. E’ come se fosse un’ Artemide con pronta a scagliare le frecce che noi esseri umani ci affanniamo a costruire per riempire la sua faretra: bombe nucleari, depauperamento delle risorse, imissione di sostanze pericolose nell’ambiente derivanti dalle nostre attività… L’elenco potrebbe continuare aumentando esponenzialmente le nostre paure. Fortunatamente, di tanto in tanto, arriva qualche buona notizia che ha l’effetto di spezzare, o almeno di provarci, una freccia in quella faretra. Il casco invisibile per i ciclisti è una di queste perchè abbiamo la sensazione che possa avere effetti positivi sull’avvicinamento delle persone verso l’uso questo splendido mezzo di locomozione. L’equazione del resto è semplice: più biciclette = meno traffico; meno traffico = meno inquinamnto; meno inquinamento = freccia spezzata all’Apocalisse.

 

La notizia, non proprio recentissima, è apparsa oggi (7 settembre 2012) sul Corriere.it. Seguono dei video che mostrano il funzionamento del casco invisibile salvaciclisti.

httpv://www.youtube.com/watch?v=oSOhZQU4rZ8&feature=related

httpv://www.youtube.com/watch?v=UZaIGwhKQM4

 

I ciclisti pedalano per un mondo migliore, miglioriamo il mondo per farli pedalare

Gli Apocalittici – la serie TV

Gli Apocalittici su national geographic

Serie TV – Gli apocalittici – National Geographic

 

Il giorno 24 Settembre alle ore 20.55 iniziera sul canale del National Geographic la serie televisiva dedicata agli apocalittici. Verranno raccolte testimonianze di persone che si preparano all’avvento dell’apocalisse cercando di sfuggire, aggirare, prepararsi ad ogni tipo di evento. Consigliamo vivamente di seguirla e di tenere come riferimento il nostro blog per le vostre testimonianze utilizzando la nostra Pagina dedicata alle comunicazioni per National Geographic.

Di seguito la trama della serie TV:

L’espressione “apocalisse” o “fine del mondo” nell’immaginario popolare è associata all’idea di un evento talmente catastrofico da comportare la conclusione definitiva della civiltà umana per come la conosciamo. Tuttavia ci sono persone fermamente intenzionate a vendere cara la pelle, e che giorno dopo giorno si stanno preparando con ogni mezzo per resistere a un’eventuale catastrofe di proporzioni escatologiche.

Benvenuti nel mondo degli Apocalittici, gente peraltro comune che ha deciso di organizzarsi per sopravvivere a ogni tipo di evento razionalmente prevedibile e potenzialmente disastroso per l’umanità: che si tratti di terremoto, incidente nucleare, collasso economico, crisi energetica o attentato terroristico.

Spinti da credenze e motivazioni di volta in volta razionali o bizzarre, i cosiddetti “preppers” non esitano davanti a nulla pur di attrezzarsi per fronteggiare qualunque incerto della vita. Ma tutti questi sforzi hanno una reale ragione di essere? E fino a che punto possono offrire una protezione efficace in caso le cose volgano al peggio?

Con l’aiuto dei suoi esperti National Geographic Channel ci accompagna in un appassionante viaggio di esplorazione tra le “roccaforti” degli Apocalittici che metterà a confronto rischi e benefici delle varie strategie adottate.

 

Queste le programmazioni:
Lunedì 24 settembre ore 15.44 – Presentazione
Lunedì 24 settembre ore 20.55 – Armati per la fine del mondo
Lunedì 24 settembre ore 21.55 – I profeti dell’apocalisse
Martedì 25 settembre ore 00.50 – Armati per la fine del mondo

NEO (Near Earth Objects): video interattivo

I NEO (Near-Earth Objects) sono oggetti del Sistema Solare quali  asteroidi, comete,  meteoroidi (sufficientemente grandi da essere intercettati nello spazio prima di colpire la Terra), la cui orbita potrebbe intersecare quella della Terra. Sono miliardi, di svariate dimensioni, e potrebbero costituire una minaccia. Enorme dovrebbe essere Nibiru, il famoso pianeta fantasma atteso per l’Apocalisse del 21 dicembre 2012.

Clicca QUI per guardare il video interattivo degli asteroidi che realmente minacciano la Terra

 

Apocalittici.it, inizia la nuova stagione verso, e oltre, il 21 dicembre 2012.

L’estate sta finendo, e un anno se ne va…” cantavano i Righeira in un’estate degli anni 80. Sono in molti ad essere convinti che questa estate 2012 infuocata da Caronte, Minosse e Lucifero potrebbe anche essere  l’ultima.

Il rumore dei passi dell’apocalisse prevista per il 21 dicembre 2012 si fa sentire sempre più forte e tra non molto la si sentirà bussare alla porta, sempre più insistente. Tra poco  non si conteranno più i mesi, ma i giorni. Mancano solo tre settimane all’equinozio d’autunno, e da quel momento scatterà  il conto alla rovescia per i 90 giorni che, crocetta dopo crocetta, porteranno dritti a quello che potrebbe essere l’ultimo solstizio d’inverno.

Il solstizio d’inverno per tutto l’emisfero boreale coincide con la notte più lunga dell’anno. Ma già dal giorno dopo la luce torna a riprendere il sopravvento sulle tenebre, poco per volta, all’insegna della rinascita. Così è sempre stato. Così è. Ma c’è chi si chiede se sarà ancora così dopo il 21 dicembre 2012. Il 22 dicembre 2012 continuerà la perenne rinascita o le tenebre prenderanno il definitivo sopravvento?

Noi di Apocalittici.it cercheremo, insieme a voi, le risposte e non smetteremo di porci sempre nuove domande. Verso e, soprattutto, oltre il 21 dicembre 2012.

Roberto Vacca e il riscaldamento globale.

Bene ha fatto lo Staff di Apocalittici a lanciare il suo sasso del dubbio nelle calme acque della certezza. Provo a seguire l’esempio lanciando il macigno delle posizioni al riguardo di Roberto Vacca, autorevole ingegnere e professore universitario, secondo cui il mondo trema per le paure sbagliate: “la gente ha paura delle cose sbagliate che non sono rischiose e non hanno paura delle cose veramente pericolose. Oggi la paura è che bruciamo troppa benzina, bruciamo troppo carbone, si scalda l’atmosfera, si sciolgono i ghiacci e andiamo tutti sott’acqua. E’ una balla. Non è così”. Scoprite perchè guardando il video.

httpv://www.youtube.com/watch?v=rc4WG3ddrHo

 

Riscaldamento Globale. Lanciamo il sasso del dubbio sulle cause.

L’allarme “riscaldamento globale” è generale. La riduzione dei ghiacciai è un fenomeno ampiamente documentato. Sulle cause che lo generano la maggioranza della comunità scientifica non ha dubbi: principali responsabili sono le attività umane che rilasciano nell’atmosfera enormi quantità di CO2. Nonostante ciò ad Apocalittici non ci adagiamo sulle “certezze”. Propulsori principali del nostro Blog sono il dubbio e la curiosità. Per questo motivo proviamo a gettare un sasso fatto di semplice ragionamento nelle acque chete della certezza.

Molto risalto è stato dato dai media, e anche dal nostro blog, al distaccamento del gigantesco iceberg in Groenlandia la quale  è  chiamata nella lingua locale Kalaallit Nunaat, ossia “Terra degli uomini“. Il nome odierno deriva, invece, dal danese Grønland, ossia “Terra verde“.

Da ciò può venir facile supporre che l’isola più grande del mondo fosse abitata, e di conseguenza relativamente “ospitale“,  molto prima della sua scoperta da parte degli europei che quando l’hanno scoperta, presumibilmente intorno all’anno 1000, hanno trovato una “Terra Verde”. Se così fosse dall’anno 1000 in poi l’isola sarebbe stata evidentemente vittima di un “raffreddamento globale” sicuramente non imputabile ad alcun intervento dell’uomo sull’ecosistema. Stando così le cose si potrebbe addirittura arrivare ad affermare che riscaldamento e  raffreddamento mondiale dipenderebbero ben poco dalle attività umane ma da altri fattori di origine naturale?

E’ doveroso avvisare che il ragionamento si regge sull’etimologia del nome, fra l’altro fortemente controversa e tuttora oggetto di studi ed approfondimenti, e pertanto risulta essere zoppo in partenza. L’intenzione rimane, però, esclusivamente quella di lanciare il sasso del dubbio. Certo, il sasso è piccolo e leggero, ma non si sa mai. Che le acque si siano smosse?

Apocalittici, il blog aperto sull’Apocalisse

BENVENUTO/A SU APOCALITTICI

* TERREMOTO  EMILIA     SMS  SOLIDALE     45500 *

 

Apocalittici

Apocalittici

 

ISCRIVITI AL BLOG                                                                                       ACCEDI

INGV, ironie fuori luogo sulla nomina del nuovo direttore

INGV è sicuramente uno degli acronimi più usati nelle ultime settimane e sta per Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, l’ente che “opera nel settore delle ricerche geofisiche, sismologiche e vulcanologiche“.

La nuova nomina alla direzione generale dell’INGV sta sollevando un vespaioMassimo Ghilardi, infatti, non risulterebbe essere uno scienziato con competenze specifiche all’INGV, ma un laureato in “Scienze Motorie” e in “Sociologia Politica”.

Le ironie sull’argomento impazzano.

Ma qui ad Apocalittici non amiamo il chiacchiericcio e ci siamo chiesti: “Chissà che laurea avrà  il direttore dell’INGV che Ghilardi andrà a sostituire?“.

Ebbene,  l’attuale direttore generale dell’INGV è il dott. Tullio Pepe ed  è laureato in Scienze Politiche, come risulta dal suo curriculum consultabile da chiunque nel sito dell’INGV. Inoltre, durante l’impiego il dott. Pepe ha fatto corsi di aggiornamento professionale presso “IPSOA, CEIDA, SFOREL, PARADIGMA, IL SOLE 24 ORE e Scuola EPR di Bressanone“.

Insomma anche il dottor Pepe non sembrerebbe essere uno “scienziato con competenze specifiche all’INGV”, ma nessuno se ne è lamentato, anzi non ci risultano affatto vespai in proposito.

A questo punto è chiaro che il vespaio è del tutto ingiustificato visto che, evidentemente, alla direzione generale dell’INGV non sono richieste competenze scientifiche, ma sono richieste competenze e capacità  manageriali.

Sarebbe stato facile unirci al gregge e belare ironie. E’ stato ancora più facile fare una semplice ricerca per dimostrare quanto queste  ironie siano fuori luogo e prive di fondamento.

Se il dottor Ghilardi darà prova o meno di spiccate capacità manageriali sarà il tempo a dirlo.

Lo Staff di Apocalittici gli manda pubblicamente  un in bocca al lupo ricordandogli l’importanza e la delicatezza del compito che l’aspetta.

Buon Compleanno Margherita!

Margherita Hack compie oggi, 12 giugno 2012,  le sue 90 primavere.

A lei vanno i più sinceri auguri da parte dello Staff di Apocalittici, grati per quanto ha già “rivelato” e per quanto ci “rivelerà“, sulla base del rigoroso metodo scientifico, continuando a “sgombrare le vie del firmamento” stendendovi la sua meravigliosa ala.

Margherita Hack