Archivi tag: uragano sandy

Inferno a New York: caos, saccheggi e morti

Nonostante il governo federale cerchi di far finta che tutto sia sotto controllo, intere aree di New York sono sprofondate nel caos assoluto e nell’anarchia. L’emergenza Uragano Sandy non è ancora finita.

Dalle chilometriche linee del gas saccheggiate per tutta la loro lunghezza, ai furti diffusi e alle violenze; i quartieri di Rockways,  Queens e Coney Island sembrano più una zona di guerra che parte di New York.

Il consigliere comunale James Sanders avverte che il suo distretto cadrà presto nell’anarchia generale. Ha detto al New York Daily News: “Qui abbiamo un mix esplosivo, la gente sta iniziando a pensarci da sola”, intendendo con questo che la gente si sta armando per difendersi.

Senza il servizio di raccolta rifiuti la spazzatura si sta ammucchiando lungo le strade del quartiere di Rockways.

Con l’attenzione dei media rivolta alle elezioni, molti cittadini sono destinati a morire non appena le temperature scenderanno sotto zero, infatti circa 1,9 milioni di case sono ancora senza energia elettrica. È veramente molto triste, e si mette in evidenza quanto totalmente impreparato e inutile sia il governo durante un disastro.

I generatori e gli accessori sono parcheggiati al lato della strada non utilizzati, mentre milioni di persone lottano per riscaldarsi.

Scatoloni di cibo e acqua al lato della strada per giorni mentre migliaia soffrono la fame e la sete.

Ecco come vengono gestiti i miliardi di dollari della FEMA dopo un disastro.

Gravi falle e malfunzionamenti nell’organizzazione dei rifornimenti del FEMA si sono avute nell’approvvigionamento di: bottiglie d’acqua, cibo, carburante, ospitalità, energia e vestiario su tutta la East Coast. Infatti il FEMA era così impreparata ad avere a che fare con una tempesta che l’agenzia solo ora, a circa 5 giorni dall’accaduto, si occupa dei rifornimenti di acqua.

Nel frattempo i residenti del Queens si armano contro i saccheggiatori con quello che trovano: pistole, mazze da baseball e addirittura con arco e frecce.

FONTI ARTICOLO:
New York Daily News
PakalertPress

ARTICOLI COLLEGATI:

Uragano Sandy, situazione a New York

Sei milioni di persone al buio a causa dell’Uragano Sandy

L’Uragano Sandy ha lasciato la Giamaica

Sandy minaccia cuba e la Giamaica

L’Uragano Sandy allaga le Bahamas e lascia 21 morti nei Caraibi

Sandy, l’uragano punta New York

Uragano Sandy, situazione a New York

I leader politici di New York hanno avvertito che decine di migliaia di persone, le cui case sono state danneggiate dall’Uragano Sandy, potrebbero presto avere bisogno di trovare una sistemazione a causa dell’avvicinarsi del freddo.

 

Il Governatore dello Stato, Andrew Cuomo, ha detto che le case senza riscaldamento potrebbero diventare inabitabili con la discesa della temperatura.

Il sindaco di New York, Michael Bloomberg, ha indicato la cifra di 30.000/40.000 persone affette dal problema.

Almeno 106 morti negli Stati Uniti, 40 dei quali a New York City, sono stati provocati da Sandy, che ha colpito il 29 ottobre.

I residenti, che hanno a lungo rifiutato di lasciare le loro case, potrebbero non avere altre opzioni, ha detto Cuomo in una conferenza stampa.

Ha anche detto che ci sarebbe stato un aumento di pressione sul trasporto pubblico questo lunedì, a causa del ritorno al lavoro di molte persone e della riapertura delle scuole.

Gli approvvigionamenti di carburante sono stati deboli, ma Cuomo ha esortato i newyorkesi a non accumulare benzina, dicendo che i rifornimenti stanno arrivando.

New York City ha aperto rifugi riscaldati nelle aree senza energia elettrica, e ha distribuito coperte ai residenti che insistono nel voler restare nelle case senza elettricità.

FONTE: BBC News

ARTICOLI COLLEGATI:

Sei milioni di persone al buio a causa dell’Uragano Sandy

Hurricane Sandy live from New York

L’Uragano Sandy ha lasciato la Giamaica

Sandy minaccia cuba e la Giamaica

L’Uragano Sandy allaga le Bahamas e lascia 21 morti nei Caraibi

Sandy, l’uragano punta New York

Pioggia record. In Italia piove sul 98% del territorio nazionale.

Sono le  23.23 del 31 ottobre 2012 e sta piovendo contemporaneamente sul 98% del territorio nazionale. Un dato che rende eccezionale questa vigilia di ognissanti, o sarebbe peggio dire Halloween.

Dopo mesi di relativa siccità questa pioggia autunnale è una benedizione e pazienza se il lungo ponte del primo novembre sarà bagnato. Alla fine di marzo di questo secco 2012 nel nord Italia la Coldiretti ha stimò un calo delle precipitazioni piovose pari al 50% e in Toscana l’Arno fece registrare una portata pari a dieci volte meno quella registrata mediamente nello stesso periodo dell’anno. Dati che facevano rabbrividire al punto che Il cardinale di Firenze lancià un appello affinchè si  pregasse  per “il dono della pioggia“.

Sulla scia di Sandy viene facile immaginare i toni catastrofisti dei mass media italiani per il “brutto tempo”. La lezione di Cleopatra non è sicuramente bastata. Catastrofismo e allarmismo quando piove non servono a scongiurare i disastri poichè ciò che li origina non sono le due gocce d’acqua che cadono dal cielo, ma i decenni di incurie e negligenze che hanno distrutto il territorio riducendolo, dal punto di vista idrogeologico, a  un colabrodo.

Sia chiaro, in questi giorni non si sta abbattendo sull’Italia un uragano, ma una semplice e benefica pioggia autunnale, certo abbondante, ma se dovesse per l’ennesima volta trasformarsi in una pericolosa minaccia le cause sono ormai note.

 

Articoli correlati:

 

Le foto dei danni provocati dall’Uragano Sandy

Raccolta di foto dei danni provocati dall’Uragano Sandy

 

Un riassunto dell’accaduto mediante le  immagini più significative degli effetti dell’uragano nell’area dei Caraibi, sulla città di New York e sulla costa est degli Stati Uniti. Un racconto per immagini, attimi di un vissuto extra-ordinario condivisi nella loro drammaticità da popolazioni di paralleli diversi.

Sandy non ha guardato in faccia a nessuno. non ha fatto distinzione tra ricchi e poveri, tra socialismo e capitalismo, tra nord e sud del mondo. Sandy ha rappresentato la forza distruttrice e “livellatrice” della Natura contro la quale l’essere umano non può che riconoscersi impotente…

Il Sole scioglierà sempre la cera dalle ali di Icaro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI COLLEGATI:

Sei milioni di persone al buio a causa dell’Uragano Sandy

Hurricane Sandy live from New York

L’Uragano Sandy ha lasciato la Giamaica

Sandy minaccia cuba e la Giamaica

L’Uragano Sandy allaga le Bahamas e lascia 21 morti nei Caraibi

Sandy, l’uragano punta New York

 

 

Sei milioni di persone al buio a causa dell’Uragano Sandy

Il bilancio delle vittime a causa dell’Uragano Sandy è salito a 12 in America e uno in Canada, sei milioni di case sono immerse nel buio, e intere aree della costa orientale degli Stati Uniti sono stati sommersi da inondazioni senza precedenti.

 

Sandy è approdata in New Jersey alle 8pm ora locale, lasciando Atlantic City sotto l’acqua, e facendo il record di 13 piedi (4 metri, ndt) di acqua alta a New York City.

L’acqua ha invaso Manhattan in tre modi: infiltrandosi tra i grattacieli del quartiere finanziario, e riversandosi per le gallerie stradali, e i tunnel della metropolitana.

Una spettacolare esplosione è avvenuta in una centrale elettrica di Manhattan e 250.000 persone sono rimaste immerse nel buio.

L’ospedale della New York University è rimasto senza fornitura elettrica ed è stato necessario evacuarlo, mentre una gru enorme parzialmente crollata continua a penzolare in modo precario da un grattacielo di Manhattan.

Diversi edifici del Queens son andati in fiamme, ed i vigili del fuoco sono stati costretti ad usare imbarcazioni per poter riscattare gli abitanti.

Sulla costa, quartieri di Long Island si trovano sott’acqua, e un’auto della polizia è stata persa, risucchiata dalle acque, mentre era impiegata per salvare 14 persone intrappolate nel famoso hotel Fire Island.

 

Il sindaco di New York, Michael Bloomberg, ha detto che è stata “una tempesta che si vede solo una volta in molto tempo”, e che i cittadini stavano facendo 10.000 chiamate d’emergenza al 911 ogni 30 minuti.

La centrale nucleare di Oyster Creek, in Ocean County giusto al nord di Atlantic City, New Jersey, ha lanciato un allerta dopo che l’acqua ha superato un livello minimo, ma nessun problema di sicurezza è stato riportato, ha detto il responsabile all’energia nucleare degli Stati Uniti.

La Nuclear Regulatory Commission ha detto: “Il livello dell’acqua si sta alzando all’interno della struttura di aspirazione a causa del combinarsi della crescente marea, direzione del vento e la tempesta”

Le città lungo la costa orientale da Boston e New York fino a Philadelphia, Baltimora e Washington è previsto che rimangano parzialmente paralizzate per tutto il martedì a causa del blocco dei servizi di trasporto provocato da Sandy.

Anche le zone costiere del Maryland, Delaware e Massachussetts hanno subito inondazioni, ed è stato necessario riscattarne i residenti con l’ausilio di barche di legno.

La piena entità dei danni resterà probabilmente incerta finché non si concluderà l’emergenza, mentre il fronte della tempesta sta muovendosi verso la Pennsylvania con venti di 75 mph (120 km/h, ndt).

Tredici morti si sono verificate tra New Jersey, New York, Maryland, Pennsylvania e Connecticut. La polizia di Toronto ha detto che una donna è stata uccisa da un cartello stradale quando i forti venti si sono abbattuti sulla più grande città del Canada.

Giusto poco prima che toccasse terra lo stato della tempesta è stato cambiato da uragano a tempesta post-tropicale.

Il nuovo fenomeno atmosferico si è formato dall’unione dell’Uragano Sandy con un sistema di aria fredda che si trovava all’interno del paese e che ha trasformato il tutto in una “super-tempesta”, hanno detto i meteorologi.

Avvertono che ci saranno onde alte 20 piedi (6 metri, ndt) lungo la costa di Chicago, e più di 3 piedi (1 metro, ndt) di neve nel West Virginia.

Si calcola che Sandy porterà più di 20 miliardi di dollari di danni, trasformandosi in uno dei disastri naturali più cari nella storia degli Stati Uniti.

 FONTE: The Telegraph

ARTICOLI COLLEGATI:

Aggiornamento Uragano Sandy

L’Uragano Sandy ha lasciato la Giamaica

Sandy minaccia cuba e la Giamaica

L’Uragano Sandy allaga le Bahamas e lascia 21 morti nei Caraibi

Sandy, l’uragano punta New York

Hurricane Sandy live from New York

Sandy, l’uragano punta New York

Sandy  sta per abbattersi sulla Grande Mela. Le autorità cittadine hanno deciso partire da questa sera alle 19 (le 01.00 di martedì 29 ottobre in Italia):

  • la sospensione dei servizi di metropolitana e bus;
  • la chiusura di parchi, spiagge e porti, misura questa adottata  lungo tutta la costa orientale degli Stati Uniti.

Sono previsti disagi per il traffico aereo. Le compagnie hanno cancellato più di 7400 voli.

In base alle previsioni  il ciclone vero e proprio, che sarà preceduto da intenso maltempo, raggiungerà la costa fra la penisola di Delamarva e il Rhode Island nella serata di lunedì. La popolazione si sta preparando ad affrontare l’emergenza scquistando scorte alimentari, sacchi di sabbia, acqua, pile elettriche e candele.

Le prime avvisaglie dell’uragano si faranno sentire a partire dalle ore 13.00 di lunedì 29 ottobre (le ore 19.00 in Italia). La massima intensità sarà raggiunta durante la notte newyorkese tra lunedì e martedì.

Il presidente Obama ha definito Sandy una “tempesta potente e pericolosa che va presa seriamente“.

Il sindaco di New York, Michael Bloomberg,  ha annunciato che alcune aree della metropoli saranno evacuate: circa 375mila persone dovranno lasciare nelle prossime ore le proprie case a Lower Manhattan e a Brooklyn. La sicurezza è stata anche rafforzata a Staten Island nel caso in cui fosse necessario chiudere il ponte di Verrazzano.

 

 

Sandy, attualmente un ciclone di categoria 1,  potrebbbe diventare distruttivo qualora si verifichi la  convergenza con un’altra perturbazione proveniente dall’interno degli Stati Uniti e con l’aria polare proveniente dal nord del Canada.

L’Uragano Sandy allaga le Bahamas e lascia 21 morti nei Caraibi

By Neil Hartnell

Dopo aver investito le Bahamas con pioggia battente e forti venti l’Uragano Sandy si appresta oggi, venerdì 26 ottobre, a lasciare l’arcipelago dopo aver ucciso 21 persone lungo i Caraibi e paventa una grossa minaccia per la costa est degli Stati Uniti.

I meteorologi avvertono che la tempesta di fine stagione dovrebbe combinarsi con una massa di aria polare vicino agli Stati Uniti la settimana prossima, producendo un uragano inusualmente potente che potrebbe causare gravi danni lungo la costa est degli Stati Uniti.

 

Giovedì sera Sandy si è indebolito tornando ad uragano di categoria 1 dopo essersi mosso lungo le scarsamente popolate isole delle Bahamas, togliendo l’energia elettrica e spazzando via i tetti di alcune case.

Le piogge torrenziali di Sandy ed i forti venti sono i responsabili della morte di 21 persone. Il governo cubano ha detto ieri notte che 11 persone sono morte durante il tragitto della tempesta lungo l’isola, la maggior parte uccise dalla caduta di alberi o dal crollo di edifici nelle provincie di Santiago de Cuba e di Guantanamo.

L’ufficio della protezione civile di Haiti ha detto che nove persone sono morte anche se il paese non ha sofferto in modo diretto il passaggio di Sandy, e una persona è stata uccisa dalla caduta di rocce in Giamaica mercoledì.

I deceduti cubani sono un numero inusualmente elevato per l’isola comunista che si vanta di proteggere i suoi abitanti dagli uragani ordinando evacuazioni di massa.

Le piogge e i venti generati da Sandy sono anche stati avvertiti nel sud della Florida.

Questa mattina il National Hurricane Center ha avvisato che Sandy si trova a 55 miglia (90 km) a sud-est di Great Abaco Island nelle Bahamas con venti massimi sostenuti di 85 miglia orarie (140 km/h).

È previsto che Sandy rimanga un uragano di categoria 1 per tutta la giornata mentre continua a spostarsi lungo le Bahamas spargendo pioggia e vento per diverse centinaia di chilometri.

Alle Bahamas, i funzionari del governo ammoniscono i residenti di rimanere in casa finché la tempesta non sia passata. Non ci sono al momento segnalazioni di morti o feriti gravi.

A Long Island, nell’angolo a sud-est dell’arcipelago delle Bahamas, Joel Friese, direttore generale del Stella Maris Resort, ha detto che Sandy era feroce mentre ieri percorreva l’isola.

“Era molto più forte di quello che ci aspettavamo”, ha detto per telefono. “Ci sono un sacco di alberi abbattuti e danni parziali ma anche pesanti ai tetti di alcuni edifici”.

La Bahamas Electricity Corporation, che fornisce energia elettrica a gran parte delle Bahamas, ha detto che Sandy ha causato interruzioni di corrente in diverse isole.

Si prevede che Sandy oltrepasserà le Bahamas questa sera dirigendosi a nord verso la costa degli Stati Uniti.

I meteorologi dicono che Sandy dovrebbe essere attirato da un altro sistema tempestoso che si sta muovendo da ovest, facendoli confluire a nord-est degli Stati Uniti nella notte tra lunedì e martedì e scatenando piogge, mareggiate e possibilmente forti venti.

I tracciatori meteo avvertono che l’area più colpita potrebbe estendersi ovunque tra le coste della Carolina ed il Maine, con le aree di New York City e Boston potenzialmente in pericolo.

“Ci sono molte domande intorno a questo uragano e le sue previsioni, ma io penso che sia importante comunicare che l’impatto di Sandy sarà diffuso, indipendentemente dal luogo di approdo”, ha scritto Jeff Masters, esperto di uragani e previsioni meteorologiche, in un blog (www.wunderground.com).

Ha detto che un approdo di Sandy lungo la costa atlantica potrebbe produrre “un disastro di miliardi di dollari”.

La tempesta potrebbe colpire l’area del New England, dove l’Uragano Irene causò gravi danni l’anno scorso, proprio durante i preparativi finali per le cruciali elezioni del 6 novembre.

Diversamente da Irene, che causò miliardi di dollari di danni colpendo il nord-est nell’agosto dell’anno passato, Sandy è prevista essere una tempesta più debole, che però, muovendosi più lentamente di Irene porterebbe pioggia più duratura incrementando così il suo potenziale di danno, hanno detto i meteorologi.

Con i suoi 4,3 miliardi di danni, Irene è uno dei 10 uragani più cari, secondo l’Insurance Information Institute, considerando l’inflazione ed esclusi i danni assicurati dal governo.

Si prevede che Sandy colpirà gli Stati Uniti durante una luna piena, aumentando il rischio di allagamenti derivati dalle onde del mare durante l’alta marea. (Reporting by Jeff Franks and Nelson Acosta in Havana, Tom Brown and Kevin Gray in Miami, Susana Ferreira in Port-au-Prince; Editing by Lisa Shumaker)

FONTE: REUTERS

ARTICOLI CORRELATI:

Aggiornamento dei bollettini del National Hurricane Center di Miami

L’Uragano Sandy ha lasciato la Giamaica

Sandy minaccia Cuba e la Giamaica

L’Uragano Sandy ha lasciato la Giamaica

Questo mercoledì, mentre attraversava la Giamaica, l’Uragano Sandy ha distrutto baraccopoli, bloccato viaggiatori e abbattuto linee elettriche con le sue forti piogge e le raffiche di vento, adesso è approdato a Cuba.

I morti provocati da Sandy sono almeno due. Un uomo anziano è stato ucciso da un masso che è rotolato da una collina ed è caduto sulla sua casa di legno, ha riferito la polizia; mentre, in precedenza, una donna di Haiti è stata portata via da un fiume d’acqua che stava cercando di attraversare.

Secondo i bollettini del National Hurricane Center di Miami, in quel momento, i venti toccavano una velocità massima di 150 km/h, ma le previsioni degli esperti indicavano già la possibilità che l’uragano si sarebbe trasformato in categoria 2, con venti fino a 170 km/h, prima di arrivare a Cuba, e così è stato non appena il ciclone, nel mare aperto tra le due isole, ha potuto trovare forza.

L’uragano si sposta verso nord ad una velocità di 20 km/h.

In alcune città del sud della Giamaica, alcuni coccodrilli sono stati catturati dopo che le acque torrenziali li avevano trascinati fuori dai loro nascondigli e sparsi nei centri abitati privi di luce elettrica in mezzo agli abitanti, secondo quanto raccontano gli stessi.

L’occhio dell’uragano ha attraversato la Giamaica durante la sera uscendo dall’isola verso nord nei pressi della città di Port Antonio, secondo i meteorologi, ma i venti e le piogge hanno continuato a imperversare anche nella notte.

Sandy è il primo grande uragano che attraversava la Giamaica dopo Gilbert, 24 anni fa, e le autorità non abituate e timorose hanno deciso di chiudere gli aeroporti internazionali dell’isola e ordinato un coprifuoco di 48 ore nelle città più importanti per allontanare la gente dalle strade e scoraggiare i saccheggi. Le navi da crociera hanno cambiato i loro itinerari per evitare la tempesta che si è abbattuta a solo 8 km dalla capitale Kingston. Gli smottamenti e le piene improvvise sono state una grave minaccia per questa isola tropicale, di 2,7 milioni di persone, composta da infrastrutture fatiscenti e una ragnatela di baraccopoli costruite sugli argini e lungo i ripidi canaloni che portano l’acqua al mare.

ARTICOLI CORRELATI:

Sandy minaccia Cuba e la Giamaica

Aggiornamento Uragano Sandy

Dopo aver colpito la Giamaica, Cuba e le Bahamas, lasciando una scia di 59 morti, l’Uragano Sandy ha abbandonato i Caraibi, e dopo aver percorso la costa est degli Stati Uniti, ha puntato verso nord ovest toccando la terra ferma tra Atlantic City e New York City. Attualmente l’estensione dei suoi venti copre quasi tutta l’area della costa atlantica degli Stati Uniti con un diametro di 1600 km. Sulla catena dei monti Appalachi si sono scatenate le prime nevicate, mentre in mare le onde arrivano a 37  piedi (11 metri). A New York la borsa di Wall Street rimarrà chiusa anche oggi per cause di forza maggiore, cosa che non accadeva dall’11 settembre 2001. Le strade del quartiere finanziario sono sott’acqua, così come alcune gallerie stradali e metropolitane di Manhattan. Nel Queens diverse case sono andate a fuoco e la costa di Long Island è allagata. Il conteggio dei decessi sale di altre 16 vittime, di cui una a Toronto. Obama e Romney hanno interrotto le loro rispettive campagne elettorali. Nelle ultime ore Sandy si è unita ad un area di bassa pressione all’interno del paese che ne ha rallentato i venti e la velocità trasformandola in Ciclone post-Tropicale.

DI SEGUITO L’AGGIORNAMENTO DEI BOLLETTINI DEL HYDROMETEOROLOGICAL PREDICTION CENTER:

30/10/2012

05:00 a.m. Il Ciclone Post-Tropicale Sandy si muove verso ovest lungo il sud della Pennsylvania. Si trova a 24 km da York e a 145 km a ovest di Philadelphia. L’attuale velocità è di 24 km/h, mentre i venti viaggiano a 105 km/h.

29/10/2012

11:00 p.m. Sandy si indebolisce ma continua ad essere uragano mentre si trova a 15 km da Philadelphia, Pensylvania. Si muove verso nord-ovest alla velocità di 30 km/h, con venti sostenuti di 120 km/h.

05:00 p.m. Sandy si trova nel sud del New Jersey e Delaware, a 65 km a sud di Atlantic City. Sta per raggiungere la terra ferma ad una velocità di 44 km/h adesso in direzione ovest-nord-ovest. I venti viaggiano a 150 km/h.

02:00 p.m. Sandy si muove al sud del New Jersey, raggiungerà la terra ferma nelle prime ore della serata. La velocità sta aumentando rapidamente e adesso è di 44 km/h in direzione nord-ovest, mentre i venti soffiano a 150 km/h. L’uragano è localizzato a 180 km a sud-est di Atlantic City e a 285 km sud-sud-est di New York City.

11:00 a.m. Sandy si dirige verso la Virginia ad una velocità di 30 km/h e venti a 150 km/h.

08:00 a.m. Sandy accelera puntando a nord-nord-ovest alla velocità di 32 km/h, con venti di 140 km/h.

05:00 a.m. L’Uragano Sandy intensifica la sua forza con venti costieri e neve lungo la catena delle Appalachian Mountains. Direzione nord alla velocità di 24 km/h con venti di 140 km/h.

02:00 a.m. Sandy si rivolge nuovamente verso nord, ad una velocità di 22 km/h, con venti sostenuti di 120 km/h.

28/10/2012

08:00 p.m. Sandy attesa a Long Island e New York Harbor. Ci sono forti venti sulla costa e ve sulle Appalachian Mountains. Velocità in aumento a 24 km/h verso nord-est. Venti di 120 km/h.

02:00 p.m. Pesanti nevicate sono attese sulle Appalachian Mountains. Sandy si muove verso nord-est alla velocità di 22 km/h, con venti di 120 km/h.

08:00 a.m. Sandy continua a minacciare la costa atlantica degli Stati Uniti e si avvicina a Long Island e New York. I venti potrebbero diventare più sostenuti all’avvicinarsi alla terra ferma. Si muove a 17 km/h, con venti di 120 km/h.

27/10/2012

11:00 p.m. Sandy continua il suo movimento lungo la costa est degli Stati Uniti. Si attende l’arrivo dell’uragano al sud del New England. Si muove verso nord-est ad una velocità in aumento di 22 km/h, con venti di 120 km/h.

02:00 p.m. Sandy estende i suoi forti venti dal nord delle Bahamas alle coste nord della Carolina, si sposta verso nord-est alla velocità di 18 km/h, con venti di 120 km/h.

11:00 a.m. Sandy si trova lungo la costa del Nord Carolina, si muove verso nord-nord-est alla velocità di 15 km/h, con venti di 120 km/h.

05:00 a.m. Sandy riduce la sua forza ma continua ed essere un uragano di grandi dimensioni che impatterà sulla costa americana per tutta la settimana. la velocità è di 17 km/h, con venti di 110 km/h.

26/10/2012

11:00 p.m. Sandy ha definitivamente lasciato le Bahamas. Si muove verso nord ad una velocità di 11 km/h con venti di 120 km/h.

02:00 p.m. Sandy continua ad indebolirsi mentre prosegue verso nord ad una velocità di 11 km/h con venti di 120 km/h. Si trova a 695 km dal sud della Carolina.

11:00 a.m. Sandy si muove lentamente lungo la costa della Florida, ad una velocità sempre più ridotta di 9 km/h verso nord, con venti massimi di 130 km/h.

05:00 a.m. Sandy sta passando vicino a Great Abaco Island in direzione  nord-ovest a 20 km/h con venti in calo a 130 km/h. Il calo della velocità ha fatto si che il raggio della tempesta si sia allargato ulteriormente.

02:00 a.m. Sandy si trova nel nord-ovest delle Bahamas e continua nella direzione prevista nord-nord-ovest alla velocità di 20 km/h con venti sostenuti di 140 km/h in ulteriore diminuzione.

25/10/2012

11:00 p.m. Sandy si trova nell’area nord-est delle Bahamas e si muove verso nord-nord-ovest alla velocità di 20 km/h, con venti di 150 km/h.

5:00 p.m. Sandy vicino a Cat Island nel centro delle Bahamas, si muove alla velocità di 32 km/h con venti sostenuti di 165 km/h.

11:00 a.m. Sandy approda alle Bahamas e segue in direzione nord alla velocità di 26 km/h, con venti massimi di 165 kn/h. L’uragano si trova ora a 110 km da Long Island.

08:00 a.m. Sandy si sta muovendo tra la costa nord-est di Cuba e le Bahamas, alla velocità 30 km/h, venti massimi di 165 km/h.

05:00 a.m. L’Uragano Sandy si prepara a lasciare l’isola di Cuba dalla parte nord-est alla velocità di 30 km/h, venti massimi di 165 km/h.

02:00 a.m.  Sandy si trova sopra Cuba nella parte sud-est dell’isola. Si muove alla velocità di 24 km/h verso nord-nord-est, con venti di 175 km/h.

ARTICOLI COLLEGATI:

Sei milioni di persone al buio a causa dell’Uragano Sandy

Hurricane Sandy live from New York

L’Uragano Sandy ha lasciato la Giamaica

Sandy minaccia cuba e la Giamaica

L’Uragano Sandy allaga le Bahamas e lascia 21 morti nei Caraibi

Sandy, l’uragano punta New York

Sandy minaccia Cuba e la Giamaica

Ieri alle 5:00 p.m. È stato emesso un allarme per tempesta tropicale su Cuba e la Giamaica, Sandy si sta avvicinando e colpirà con forza.

 Sandy

I venti più sostenuti di Sandy non arrivano ancora a velocità elevate, ma l’U.S. National Hurricane Center di Miami avverte che Sandy si trasformerà in uragano quando toccherà le coste della Giamaica Mercoledì.

La tempesta è localizzata a 640 km al sud-sud-ovest di Kingston, Giamaica, e si sta muovendo verso nord alla velocità di circa 6 km/h.

Nel frattempo una depressione tropicale nell’Atlantico sta per trasformarsi anch’essa in una tempesta tropicale e dovrebbe farlo più tardi durante la giornata. La depressione è localizzata a circa 1300 km al nord-est delle Leeward Islands e si sta muovendo alla velocità di 19 km/h.

 FONTE: Jamaica Observer