Archivi categoria: Apocalittici in… relax

Un po’ di ironia, umorismo, musica e tanto altro…. se proprio la fine deve arrivare l’importante è farsi trovare…in relax ;)

Aniene, il Deo che ci salverà dall’Apocalisse

Aniene è il Deo forgiato dalla Spada Marrone che proviene da un universo più grosso. E’ stato  mandato dal Padre, il Grande Deo,  sulla Terra per vegliare sull’umanità che soffre quello che è in definitiva un momento di crisi. Gli apocalittici eventi che l’umanità dovrà affrontare non sembrano più così terribili poichè il Deo Aniene, con in mano il martello che non serve certo per scaccià i chiodi, la  instraderà sulla strada. Anche se nel cuore dei mortali albergano i sentimenti più bassi come la paura, la viltà e la bugiardia, Aniene userà i poteri del Tuono che il Padre gli ha dato, per far risplendere in loro la scintilla divina. Quando la quinta luna si sarà messa per così Aniene agirà! E se arriva Niburu je da ‘na martellata!  httpv://www.youtube.com/watch?v=dr_BfnjMMhI

 

Messaggio subliminale in una canzone rivela cosa succederà il 21 dicembre 2012

E’ tornata la mitica Coppa Rimetti. Chi non sapesse di cosa sto parlando chieda al primo coniglio ruggente che incontra. Nella prima agguerritissima  manche trionfa Severino Verardi con Libero (Poetica essenziale).

Ci dispiace caro Salvatore, qui siamo ad Apocalittici ed io, Escansibus, sono il più grande numerologo del mondo,  e sublimanologo pure. Mica pizza e fichi. Ho impiegato 23 secondi netti  per scoprire il messaggio subliminale nascosto nella canzone. Invito gli scettici, soprattutto quelli che stanno sghignazzando, ad ascoltare la canzone al contrario. Ebbene sì, ascoltata al contrario Libero (Poetica essenziale) di Severino Verardi rivela al Mondo cosa succederà  il 21 dicembre 2012. Altro che profezia del calendario maya! Gli apocalittici e i curiosi sono, però, avvisati: conoscere la verità potrebbe essere meno piacevole dell’ascolto…

httpv://www.youtube.com/watch?v=npilDS42s0M

 

 

 

Gli apocalittici si interrogano sulle lacrime della nuova Miss Italia

Gli Apocalittici, ma anche gli Integrati, tutti entusiasti per l’elezione di Giusy Buscemi quale nuova Miss Italia 2012, sono stati sinceramente colpiti dalle copiose lacrime che hanno solcato le gote della nuova reginetta della bellezza italiana. Preoccupati si sono chiesti:

 

[poll id=”4″]

Dal Big Bang all’Apocalisse in due minuti.

Quello che conta, in questo video che si propone di raccontare, non senza evidenti lacune, con immagini evocative ed incalzanti la storia del mondo dal Big Bang all’Apocalisse in due minuti, è la dimensione mentale del viaggio che propone. Mentre scorrono le immagini la sensazione è quella di cogliere qualcosa di indefinito, di comprendere l’incomprensibile, di avere a portata di mano la chiave dello scrigno che custodisce tutte le risposte: chi siamo, da dove veniamo, dove stiamo andando…, ma è una sensazione effimera. Dura meno di un istante.

httpv://www.youtube.com/watch?v=MrqqD_Tsy4Q

Gli Apocalittici – la serie TV

Gli Apocalittici su national geographic

Serie TV – Gli apocalittici – National Geographic

 

Il giorno 24 Settembre alle ore 20.55 iniziera sul canale del National Geographic la serie televisiva dedicata agli apocalittici. Verranno raccolte testimonianze di persone che si preparano all’avvento dell’apocalisse cercando di sfuggire, aggirare, prepararsi ad ogni tipo di evento. Consigliamo vivamente di seguirla e di tenere come riferimento il nostro blog per le vostre testimonianze utilizzando la nostra Pagina dedicata alle comunicazioni per National Geographic.

Di seguito la trama della serie TV:

L’espressione “apocalisse” o “fine del mondo” nell’immaginario popolare è associata all’idea di un evento talmente catastrofico da comportare la conclusione definitiva della civiltà umana per come la conosciamo. Tuttavia ci sono persone fermamente intenzionate a vendere cara la pelle, e che giorno dopo giorno si stanno preparando con ogni mezzo per resistere a un’eventuale catastrofe di proporzioni escatologiche.

Benvenuti nel mondo degli Apocalittici, gente peraltro comune che ha deciso di organizzarsi per sopravvivere a ogni tipo di evento razionalmente prevedibile e potenzialmente disastroso per l’umanità: che si tratti di terremoto, incidente nucleare, collasso economico, crisi energetica o attentato terroristico.

Spinti da credenze e motivazioni di volta in volta razionali o bizzarre, i cosiddetti “preppers” non esitano davanti a nulla pur di attrezzarsi per fronteggiare qualunque incerto della vita. Ma tutti questi sforzi hanno una reale ragione di essere? E fino a che punto possono offrire una protezione efficace in caso le cose volgano al peggio?

Con l’aiuto dei suoi esperti National Geographic Channel ci accompagna in un appassionante viaggio di esplorazione tra le “roccaforti” degli Apocalittici che metterà a confronto rischi e benefici delle varie strategie adottate.

 

Queste le programmazioni:
Lunedì 24 settembre ore 15.44 – Presentazione
Lunedì 24 settembre ore 20.55 – Armati per la fine del mondo
Lunedì 24 settembre ore 21.55 – I profeti dell’apocalisse
Martedì 25 settembre ore 00.50 – Armati per la fine del mondo

Apocalyptica, Nothing Else Matters

Struggente, suggestiva, incantevole, estasiante… è la cover degli Apocalyptica di uno dei brani più belli di sempre, Nothing Else Matters dei Metallica.

Gli archi dell’apocalisse ci elevano per farci godere l’ultimo spettacolo dall’alto.

httpv://www.youtube.com/watch?v=i3LHLPr9W_E&feature=related

Le dieci domande irrisolte della scienza

1 – Siamo soli nell’universo? (54%): secondo gli scienziati, l’universo potrebbe contenere molti sistemi planetari dove forme di vita intelligente possono evolversi, ma non abbiamo ancora sviluppato i mezzi tecnologici che ci permettano di coprire milioni di anni luce per metterci in contatto con loro

2 – Verrà mai trovata una cura per il cancro? (46%): le statistiche di sopravvivenza a diverse forme di tumore sono in continuo miglioramento, con nuovi trattamenti all’orizzonte e anche se è improbabile che ci sarà una cura miracolosa in un prossimo futuro, i pazienti sono comunque destinati a vivere più a lungo.

3 – Dio esiste? (39%): non c’è alcuna conferma empirica e scientifica dell’esistenza di Dio.

4 – Quanto è grande lo spazio? (33%): alcuni astronomi sono convinti che non abbia limiti, altri che dal Big Bang si sia espanso con un diametro di circa 150 miliardi di anni luce.

5 – Come e quando è iniziata la vita sulla Terra? (30%): ci sono state diverse teorie, dai batteri che sono entrati in rapporto simbiotico alle correnti convettive che sono passate attraverso la crosta terrestre.

6 – E’ possibile viaggiare nel tempo? (29%): teoricamente, sarebbe possibile grazie ai cunicoli spazio-temporali, ma questi sono instabili e tenerne uno aperto richiederebbe la gravità repulsiva, la cui esistenza dev’essere ancora confermata.

7 – Colonizzeremo mai lo spazio? (27%): forse. Alcuni sostengono che dovremmo prendere in seria considerazione l’idea di creare delle colonie in un’altra parte del sistema solare, nel caso in cui la Terra diventasse inospitale.

8 – Con cosa sarà possibile sostituire il petrolio e quando? (27%): fonti di energia alternativa sono già disponibili, ma occorre economizzare i costi se si vuole rimpiazzare il petrolio. Sono stati fatti comunque dei progressi nelle nanotecnologie che possono rappresentare una valida risposta.

9 – Quando finirà il mondo? (24%): le teorie dicono che l’universo smetterà di espandersi e che collasserà; che si raffredderà fino allo zero assoluto e che la “dark energy” finirà per vincere la forza di gravità.

10 – Di quanto si potrà allungare l’aspettativa di vita umana? (20%): gli esperimenti sulle cavie hanno convinto alcuni scienziati che l’uomo possa presto vivere oltre i cent’anni.

 

(clicca qui per leggere l’articolo completo)

 

Sonia Topazio, capo ufficio stampa dell’INGV, “scalda” le polemiche sull’Istituto

Non si nono ancora attenuate le polemiche sulla nomina di Massimo Ghilardi alla direzione generale dell’INGV,  che se ne accende subito un’altra. E il verbo “accendere” calza a pennello visto che le sfumature sono decisamente “hot“.

La questione è di quelle perfette per essere seguite sotto l’ombrellone: Sonia Topazio, capo ufficio stampa dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, ha un passato da attrice con allcuni ruoli soft-porno.

Dopo la nomina di un professore di ginnastica a direttore generale, oggi si scopre che il capo ufficio stampa dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Sonia Topazio, è un ex attrice erotica ‘raccomandata’ da un politico, alla faccia dei 400 precari. Tutto questo mentre l’Emilia Romagna cerca di superare la tragedia del terremoto. Siamo proprio un Paese ingiusto, dove nani e ballerine la fanno da padroni“. Lo afferma Orazio Licandro, coordinatore della segreteria nazionale del Pdci. (Ansa)

La Topazio è capo dell’uffico stampa dell’INGV da dieci anni e afferma con chiarezza: “sono laureata in lettere moderne alla Sapienza a pieni voti, sono iscritta all’albo dei giornalisti del Lazio e all’Ugis”, l’Unione dei giornalisti scientifici italiani. Ho anche seguito un master di Milano sulla gestione degli enti pubblici” e sulle circostanze della sua assunzione a capo dell’ufficio stampa dell’Ingv Sonia Topazio, che non ha problemi a parlae del suo passato, dice con altrettanta chiarezza: “E’ avvenuta per chiamata diretta perché all’epoca c’era il blocco delle assunzioni. Quando c’é una chiamata diretta, questa avviene sulla base di conoscenze. Posso dire che in questi dieci anni ho messo su un servizio di comunicazione efficiente“. (Ansa)

La questione ha preso la forma di un’interrogazione parlamentare che “si riferisce a notizie uscite sulla stampa sul passato di Sonia Topazio come “ex attrice erotica ‘raccomandata’ da un politico“. Informazioni la cui fonte, sempre da organi di stampa, viene indicata nei precari dell’ente. Tuttavia, rilevano fonti dei precari Ingv, “nessuna azione in questo senso è stata deliberata e discussa nell’assemblea dei precari“. (Ansa)

In dieci anni di operato esisteranno sicuramente dati concreti ed oggettivi per valutare il lavoro della dottoressa Topazio, valutazione che dovrebbe assolutamente prescindere da pregiudizi che in un Paese libero, laico e progressista, quale il nostro (nonostante tutto) si può definire, sanno davvero di “popolino”.

Madonna, dopo il seno a Istanbul “le promette” al Vaticano

Farò una sorpresa al Vaticano“, questa è la promessa apocalittica di Mrs. Ciccone, in arte Madonna, nela prima delle tre date italiane che la vedrà stasera in concerto a Roma (il 14 sarà a Firenze, il 16 a Milano).

Dopo lo spettacolo di Istanbul dove ha dato bella mostra del seno destro, e la svastica sulla fronte di Marine Le Pen a Tel Aviv, c’è da aspettarsi qualcosa che farà chiasso sui giornali di domani da parte della “material girl” in crisi di vendite, ma sempre sulla cresta dell’onda. Un po’ più sopra di tutte.

httpv://www.youtube.com/watch?v=SwdpJQO5ZL4

httpv://www.youtube.com/watch?v=Z37BoVeRYng

13.06.2012Madonna si autocelebra: “la regina sono io“. Olimpico in delirio  senza “sorprese” per il Vaticano

Madonna (ansa)

Allineamento Sole Venere Terra in corso.

L’ allineamento Sole Venere Terra è in corso.

Il messaggio che sto per lanciare è drammatico:

se c’è qualcuno di quelli che non è riuscito a comprare la casa a Bugarach per salvarsi ed è  ancora  miracolosamente libero dalla morsa del panico che  riesce a mantenere il sangue freddo  nell’attesa di Nibiru e bestie varie… se questo qualcuno c’è….ascoltiamo insieme la musica  perfetta per la Fine dei Tempi“.

 

365 racconti sulla fine del mondo

Come finirà il mondo, nel 2012? Sarà vero quanto predetto dai Maya e dai peggiori presagi catastrofisti? E come reagiremo, tutti noi, alla fine imminente? Un po’ ridendo, un po’ scherzando, un po’ facendo maledettamente sul serio, 365 scrittori hanno provato a dare la loro interpretazione della fine del mondo, dipingendo ciascuno uno scenario mozzafiato, che dovrebbe farci riflettere tutti. Dopo il successo delle precedenti antologie della serie “365”, nasce una nuova sfida all’apparenza irrealizzabile: descrivere tutti i modi possibili di far finire il mondo in racconti da 2000 battute ciascuno. Niente spazio per le spiegazioni macchinose, per gli struggimenti inutili e per le emozioni diluite nella ricostruzione di scenari e contesti possibili. Qui i lettori troveranno 365 brevissime e micidiali idee su come potrebbe davvero finire tutto, 365 sferzate che non vi daranno respiro e che vi faranno tremare le gambe. Leggere per credere.

acquista il libro

Dolcenera, Un sogno di Libertà.

Nel video di Un sogno di libertà, brano tratto da L’evoluzione della Specie, ultimo album di Dolcenera, si immaginano tre sopravvissuti  che si muovono “liberi” in uno scenario post-apocalittico “giocando” con gli inutili splendidi rimasugli della civiltà che fù.

httpv://www.youtube.com/watch?v=igJPFNnTrTM&ob=av2n

 

Il giorno e l’ora

Immagine www.cleanbreak.ca

Il vetusto e saggio maestro TOSE RONI non ha dubbi. I segni nel cielo parlano chiaro. La Via Lattea avrà i punti algidi allineati il 31 agosto dell’anno 2013. Il pianeta Ca del sistema Lippo intercetterà nella sua orbita gli asteroidi Cucc e Iolone. Il pianeta esploderà e l’enorme energia liberata devierà le orbite dei pianeti Croc, Can e Te che impatteranno con Lippo distruggendolo. La stella lascerà spazio a un Magnum astrale che si espanderà scagliando strali di “alogarf id roif“, “omissinomel” e “renniw” in tutta la galassia. Il 61 % di questi gelidi strali attraverserà il sistema Solero. Il restante 39% entrerà nel sistema Solare centrando in pieno i pianeti Giove, Marte e Terra. L’atmosfera terrestre non riuscirà a proteggere del tutto il pianeta. Gli strali,  infatti,  non si disintegreranno del tutto e assumeranno le forme di enormi e numerosissimi coni e gelide palle multicolore che impatteranno al suolo esattamente alle ore 15.21.

E sarà la fine.

L’apocalisse rimandata

Dario Fo, L?apocalisse rimandata ovvero Benvenuta catastrofe!

Dario Fo immagina il mondo del giorno dopo l’annuncio dell’esaurimento totale del petrolio. Secondo l’ultimo Nobel italiano  per la Letteratura sarebbe il collasso dell’intero sistema della parte ricca del pianeta, mentre per la parte povera non cambierà nulla. Sicchè saranno proprio le popolazioni  povere a sopravvivere.

Ma non è questa l’apocalisse.

In questo scenario l’apocalisse è solo “rimandata”…