Vienna, capitale regina della mobilità sostenibile

Chi di voi non avrebbe voglia di passare un bel week-end a Vienna?

Pubblicità

Con le biciclette in metropolitana?
A Vienna si può

Ebbene, non ci dilunghiamo sulle attrattive storico-artistiche, culinarie etc della capitale austriaca, che probabilmente sono note ai più. C’è invece un aspetto in particolare, quello della mobilità sostenibile, per il quale Vienna riveste particolare interesse per noi. Vienna è infatti la città con il trasporto pubblico più capillare di Europa.

Che gli austriaci siano i più diligenti utilizzatori di mezzi di trasporto pubblico in Europa è risaputo, ma uno non si rende conto davvero di cosa sia il sistema di trasporti pubblici in Austria se non visita la capitale. Qualche dato giusto per mettere a fuoco l’argomento…

A Vienna ci sono 120 linee – tra autobus, tram e metropolitana – che formano una rete di trasporto pubblico di quasi 1000 km, con quasi 4.500 fermate. Nella capitale austriaca non esiste alcun punto che disti più di 15 minuti a piedi da una fermata di autobus, tram o metro: si può pertanto dire che il trasporto pubblico è un diritto universale a Vienna. Nel 2006 sono stati 772 milioni i passeggeri del sistema di trasporti pubblico.

Altro dato all’insegna della mobilità sostenibile sono i 1000 km e passa di piste ciclabili, raddoppiate rispetto a 15 anni fa, con in particolare una bellissima pista ciclabile che percorre tutto il Ring. L’attenzione all’ambiente si vede non solo dal fatto che i percorsi siano continuamente ottimizzati, ma anche dall’efficienza dei veicoli in generale, aspetto in cui l’Austria è parecchio avanti per diversi aspetti. Pensate che già da metà anni novanta, le nuove carrozze del metro dispongono di un sistema di recupero di energia da frenata con una resa del 30%.

Insomma, un case study interessante, che comunque ribadisce che la mobilità sostenibile non la si fa con la buona volontà, ma con massicci investimenti e misure organiche sul versante dei trasporti pubblici.

 

Dati dal congresso 2009 ISOCARP (International Society of City and Regional Planners)

 

(Fonte dell’articolo www.tuttogreen.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.