Caronte.

Caronte. Ecco il nome che spaventa l’Italia di questo fine giugno 2012. Il mitico traghettatore non attraverserà lo Stige col suo bel carico di anime, ma il mediterraneo trasportando dalla sponda africana un’eccezionale ondata di caldo sugli italici litorali.

Insomma, udite e rabbrividite: “farà caldo a fine giugno e alle porte di luglio“.

Sembrerebbe una cosa scontata se non fosse corredata da parole evocative seguite da un eccesso di punti esclamativi: ARRIVA CARONTE!  CALDO RECORD! ALLARME CALDO!!!

Vale la pena ricordare un po’ a tutti che IN ESTATE FA CALDO.

Lo dico in maniera più completa: in estate fa caldo e in inverno fa freddo, alcune estati possono essere molto calde ed alcuni inverni molto freddi, alcune estati possono essere  fresche ed alcuni inverni miti.

Se poi il tono apocalittico, l’accento catastrofista, la sfumatura d’eccezionalità, il titolo allarmista fanno riempire qualche pagina di giornale in più o tappano qualche “vuoto” di TG grandi e piccoli….beh, è un altro paio di maniche….ovviamente corte d’estate e lunghe d’inverno!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.